Mirra Nera di Sumatra

La mirra nera di Sumatra è una resina aromatica ottenuta dall’albero Commiphora Molmol, noto anche come mirra africana.

Oltre al suo utilizzo nell’incenso, la mirra nera di Sumatra è nota anche per le sue proprietà medicinali, essendo usata come antinfiammatorio, antisettico e analgesico.

Viene utilizzato anche come collutorio, lasciando marinare la resina per 3-5 giorni in un contenitore chiuso.

La resina viene raccolta attraverso tagli nella corteccia dell’albero, solidifica a contatto con l’aria.

 

Nome scientifico: Commiphora Molmol.

Origine: Sumatra.

Aroma: Terroso, leggermente dolce.

Storia della mirra

La mirra trae origine da un piccolo albero molto diffuso nel Medio Oriente e nell’Africa nord-orientale, Commiphora myrrha, da cui si produce una gomma preziosa venduta da migliaia di anni.

Il suo aroma è profondo e caldo, allo stesso tempo terroso e amaro, con alcune note leggermente dolci e speziate.

Fin dall’antichità, una delle principali proprietà energetiche di questa resina è stata il suo utilizzo nei bruciatori di incenso per ispirare la preghiera e la meditazione, oltre a rafforzare e rivitalizzare lo spirito. Ecco perché inalare il suo aroma è qualcosa di così speciale e magico nelle pratiche spirituali, lasciando nell’ambiente e nelle persone una vibrazione energetica molto rinnovata ed equilibrata.

La mirra procura uno stato di completo relax, poiché il suo aroma è avvolgente e curativo e ha proprietà che favoriscono l’allineamento energetico.

È considerata una pianta lunare. Viene utilizzato anche per aumentare le proprietà degli altri elementi con cui viene miscelato, favorendo il flusso di energia e aiutando negli stati meditativi e contemplativi.

Nell’antico Egitto la mirra era considerata di alto valore economico e veniva utilizzata anche per imbalsamare i corpi di personaggi illustri vissuti in quel periodo.

La mirra ebbe la sua influenza anche durante la Grecia e l’antica Roma, quando la colonizzazione del Mar Mediterraneo da parte dei Greci portò allo sviluppo di una ricca classe di mercanti.